Patente sospesa: come fare per riaverla

da Giuseppe
0 commento

L’automobilista con la patente sospesa non può mettersi alla guida dell’auto prima della scadenza della limitazione. Per riaverla ci sono tre modi

Sono numerosi i casi in cui l’automobilista può ritrovarsi con la patente sospesa. Le circostanze vanno sempre ricondotte a violazioni delle norme contenute nel Codice della Strada. Tuttavia, indipendentemente dalla trasgressione commessa, il guidatore può sempre rientrare in possesso della licenza di guida. Prima di sapere come fare per riavere la patente sospesa, è utile chiarire una distinzione di base. La sospensione della patente è un provvedimento temporaneo che impedisce al conducente di mettersi al volante di qualunque mezzo e non solo del proprio. In caso contrario ovvero se viene sorpreso a guidare con la patente sospesa, scatta il provvedimento di revoca. Ed è proprio questa la distinzione da non perdere di vista. La revoca della patente è infatti una disposizione a carattere definitivo e di conseguenza l’automobilista non può rientrare in possesso del documento indispensabile per guidare un veicolo a quattro ruote. Allo stesso tempo, la sospensione della patente è differente dal ritiro: è anch’essa una misura a carattere provvisorio, ma di durata più limitata.


PATENTE SOSPESA: I CASI POSSIBILI

Il provvedimento di sospensione della patente viene disposto in genere dalla prefettura sulla base del verbale dell’organo di polizia che ha rilevato la trasgressione del Codice della Strada. Può però essere ordinato anche dalla Motorizzazione o da un tribunale. Tuttavia è lo stesso organo di polizia a notificare la misura con l’invio dell’ordinanza della prefettura all’indirizzo di residenza. Le infrazioni per la sospensione della patente e i contesti sono:

– incidente stradale con lesioni colpose che comporta sospensione della patente per una durata massima di 2 anni;

guida in stato di ebbrezza: sospensione della patente da 3 mesi a 2 anni in base al tasso di alcool rilevato tra 0,5 e oltre 1,5 grammi per litro;

omissione di soccorso in caso di incidente stradale con feriti: sospensione da 1 a 3 anni per mancato arresto dell’auto e da 1 anno e 6 mesi a 5 anni per omissione di soccorso;

– gara di velocità: sospensione della patente da 1 a 3 anni;

– guida di un veicolo con cronotachigrafo non funzionante, alterato o privo del foglio di registrazione: sospensione della patente da 15 giorni a 3 mesi;

– circolazione contromano in corrispondenza di curve, raccordi convessi o situazioni di limitata visibilità: sospensione della patente da 1 a 3 mesi;

guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti: sospensione della patente da 1 a 2 anni;

– superamento dei limiti di velocità tra 40 e 60 chilometri orari: sospensione della patente da 1 a 3 mesi.

La durata della sospensione della patente è quindi legata alla gravità dell’infrazione commessa. In tutti i casi si tratta di una sanzione accessoria rispetto a quella pecuniaria.

COME RIAVERE LA PATENTE SOSPESA

Come spiegato, la patente sospesa è un provvedimento provvisorio e di conseguenza all’automobilista non resta che attendere la fine del periodo di blocco per rientrarne in possesso. Solo da quel momento può ritirare il documento all’ufficio dell’organo di polizia indicato nel verbale di sospensione. Per farlo deve esibire un secondo documento di riconoscimento (la carta di identità o il passaporto), ma può comunque incaricare un’altra persona munita di delega. La terza possibilità per riavere la patente sospesa è chiedere l’invio al Comando di polizia di residenza. Come precisato dall’articolo 218 del Codice della Strada, “l’avvenuta restituzione è comunicata all’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida”. La restituzione della patente sospesa è invece immediata se il prefetto, in seguito alla ricezione del verbale o del rapporto trasmesso dall’organo di polizia, non ha emesso l’ordinanza di sospensione entro 15 giorni.

CASI PARTICOLARI PER RIAVERE LA PATENTE SOSPESA

Attenzione quindi alle situazioni particolari per riavere la patente sospesa. Nel caso di sanzione per guida in stato di ebbrezza, l’automobilista può riavere la licenza di guida solo in seguito all’idoneità della Commissione medica locale, messa nera su bianco sul certificato medico. Stessa procedura se l’organo di polizia ha sorpreso il guidatore al volante dell’auto sotto effetto di sostanze stupefacenti.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento