Dati positivi + Broker Squeeze = Ripresa del rischio per il Forex

da Giuseppe
0 commento

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 28 gennaio 2021

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

Tutte le principali valute sono salite questo mercoledì, sulla scia di dati positivi e di rialzi sul mercato equity. L’economia USA è salita del 4% nel quarto trimestre, ma questo aumento non è bastato ad impedire che l’economia segnasse il calo più veloce degli ultimi 70 anni. Su base annua, il è sceso del 3,5% nel 2020, il primo calo dal 2009 ed il calo più ripido dal 1946. Tuttavia, l’anno non si è concluso poi in maniera così terribile. Nonostante le restrizioni, l’economia nell’ultimo trimestre è cresciuta, e l’aumento delle esportazioni delle scorte e degli investimenti sono un segnale che le imprese stanno pianificando una ripresa. Il quarto trimestre rappresenta il secondo trimestre consecutivo in crescita. Le e la sono state migliori del previsto e questi dati hanno fatto salire il cambio al massimo delle ultime sei settimane.

I rialzi del sono stati limitati allo yen in quanto il rimbalzo delle borse ha avuto un’influenza sui flussi delle valute. Euro, sterlina, dollaro australiano e neozelandese si sono stabilizzati dopo il calo di ieri. Gli investitori equity sono stati incoraggiati dagli step fatti dai broker per riprendere il controllo dopo la stretta short speculativa. Robinhood e broker interattivi hanno ridotto gli scambi di azioni e opzioni a sell ed hanno aumentato i requisiti dei margini per le posizioni long e short. Bloccare il controllo degli speculatori riduce la volatilità ed aiuta a ristabilire la normale attività dei mercati.

I dati della zona euro sono stati migliori del previsto, con l’inflazione in Germania che supera del doppio le aspettative ed il sentimento economico della zona euro in salita. L’inflazione è ancora toppo bassa perché la banca centrale si preoccupi, soprattutto con una valuta così forte. Infatti, più il cambio resterà sull’1,21, più la BCE resterà salda. La Germania rilascerà i dati sul PIL del 4° trimestre e, a differenza degli USA, ci aspettiamo una chiusura negativa dell’anno. La Germania è in lockdown parziale da novembre, dunque il report sul PIL dovrebbe mostrare l’impatto di tali restrizioni. Si tratterebbe del primo di due trimestri negativi che riporterebbero  la Germania in recessione. Non si attendono dati dal Regno Unito, ma la è stata trascinata dal rally del rischio.

Le valute legate alle materie prime sono state miste. Il è stata la migliore valuta nonostante i dati commerciali deboli. Il è rimasto stabile grazie ai prezzi all’esportazione più alti. I prezzi alla produzione sono attesi per domani e si prevedono dati più forti. Il non ha partecipato alla ripresa nonostante gli utili forti. Per quanto riguarda il PIL di domani, gli investitori temono che la crescita di novembre sia stata debole, ma con l’aumento delle c’è un rischio al rialzo per il report.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.




Fonte

Related Articles

Lascia un Commento