Serbatoio Gpl auto scaduto: sanzioni e rischi

da Giuseppe
0 commento

Occorre prestare molta attenzione al serbatoio Gpl auto. In ballo c’è innanzitutto la sicurezza, ma anche sanzioni molto salate

Oneri e onori verrebbe da dire perché è sufficiente focalizzare l’attenzione sul serbatoio Gpl auto per comprendere come questi veicoli necessitino di una cura supplementare. Puntare su una vettura alimentata a Gpl significa assicurarsi un doppio risparmio. Innanzitutto in termini di emissioni ambientali e in seconda battuta per il portafogli. Basta confrontare il costo del rifornimento di un’auto a Gpl rispetto a una più tradizionale auto a benzina per farsi un’idea di una prima differenza. Tuttavia le disposizioni vigenti prevedono una estrema attenzione in relazione alla gestione e alla manutenzione di una vettura Gpl. Come approfondiremo in questo articolo, il serbatoio auto Gpl scaduto rappresenta la sintesi dell’attenzione necessaria. Non solo l’automobilista va incontro a rischi per la sicurezza, ma allo stesso tempo si espone a sanzioni amministrative. Analizziamo tutti i dettagli.


SERBATOIO GPL AUTO: SOSTITUZIONE PER RAGIONI DI SICUREZZA

La buona notizia per i proprietari di una vettura alimentata con questa soluzione è la semplificazione delle procedure per la sostituzione del serbatoio Gpl auto. Tra le modifiche già esecutive segnaliamo il ruolo centrale ricoperto dalle autofficine e dai centri autorizzati che adesso prendono il posto della Motorizzazione civile nella fase di collaudo con successivo aggiornamento della carta di circolazione. Si tratta di un aggiornamento dell’articolo 78 del Codice della Strada, secondo cui “i veicoli a motore e i loro rimorchi devono essere sottoposti a visita e prova presso i competenti uffici della Direzione generale della Motorizzazione Civile quando siano apportate una o più modifiche alle caratteristiche costruttive o funzionali, ovvero ai dispositivi d’equipaggiamento, oppure sia stato sostituito o modificato il telaio”. La procedura diventa più rapida ma non cambia il concetto di fondo ovvero l’indispensabilità del collaudo. Si tratta di un passaggio fondamentale per la sicurezza che si traduce nella sostituzione del serbatoio Gpl.

QUANDO BISOGNA SOSTITUIRE SERBATOIO GPL AUTO SCADUTO

Non è una scelta personale o da basare sull’esperienza del meccanico che controlla il veicolo. Occorre rispettare i tempi del collaudo ovvero di revisione e sostituzione del serbatoio Gpl auto scaduto. A dettarli è la direttiva europea ECE/ONU 67/01. Il serbatoio delle auto Gpl ha una validità di 10 anni dalla prima immatricolazione o dall’installazione dell’impianto. Per sapere quando scade occorre prendere a riferimento la data di produzione indicata sulla targa identificativa del serbatoio. Dal punto di vista tecnico, quest’ultimo è costruito in acciaio ad alta resistenza di grande spessore, in grado di deformarsi in caso di urto ma senza fendersi, bucarsi o spaccarsi.

SERBATOIO GPL AUTO: COME SOSTITUIRLO E PREZZI MEDI

Per procedere al cambio del serbatoio Gpl auto occorre rivolgersi a un installatore autorizzato che procede con il montaggio di un impianto con le stesse caratteristiche in relazione a capienza e forma e omologato secondo la direttiva europea ECE/ONU 67/01. A cui segue appunto il collaudo con tanto di aggiornamento della carta di circolazione in cui viene annotata anche la data in cui è stata effettuata l’operazione. L’intera procedura non è ovviamente gratuita perché occorre mettere in conto sia la spesa per l’acquisto del nuovo serbatoio e sia quella per la manodopera e le pratiche burocratiche. I prezzi sono di conseguenza variabili, ma in media la spesa per la sostituzione del serbatoio Gpl auto scaduto si aggira tra 500 e 600 euro.

QUALI SANZIONI PER MANCATA SOSTITUZIONE SERBATOIO GPL AUTO SCADUTO

Come abbiamo sottolineato, la sostituzione del serbatoio Gpl auto scaduto non è una procedura facoltativa. Si tratta di un obbligo di legge regolamentato anche a livello europeo. Non mettersi in regola significa esporsi a rischi per la sicurezza e a sanzioni in caso di controllo. Innanzitutto ci sono quelle di tipo pecuniario, da 173 a 694 euro. La multa può essere raddoppiata nel caso di reiterata mancanza. Poi ci sono le eventuali sanzioni accessorie del ritiro della carta di circolazione. Ma cosa succede se il proprietario del veicolo, incurante del divieto di circolazione, decide comunque di guidare con il serbatoio Gpl auto scaduto? In prima battuta rischia una sanzione da 1.998 a 7.993 euro. E quindi il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni. Di più: in caso di reiterazione delle violazioni, il Codice della Strada prevede l’applicazione del provvedimento più estremo ovvero la confisca amministrativa del veicolo che comporta la vendita mediante asta giudiziaria.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento