I Mercati affrontano le Banche

da Giuseppe
0 commento

Le azioni di Wall Street hanno chiuso la loro settimana più forte da febbraio, con l’indice blue-chip che ha chiuso a un livello record, dopo che un aumento dell’inflazione statunitense è stato inferiore alle previsioni peggiori del mercato.

L’S&P 500 ha guadagnato l’1% venerdì e ha avuto un aumento settimanale del 3,8%, eclissando un precedente record chiuso poco più di tre settimane fa. Il focalizzato sulla tecnologia è salito dello 0,7%, portando il suo aumento settimanale al 3,6%.
Il dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì che i prezzi al consumo sono aumentati del 6,8% a novembre rispetto allo stesso mese del 2020, in linea con le previsioni degli economisti e il più alto aumento in 39 anni.
Nonostante l’aumento, le cifre sono state una sorta di sollievo per gli investitori che si erano preparati per dati che avrebbero potuto mostrare un aumento del 7% o più.

Investitori e analisti hanno affermato che l’ultima lettura manterrebbe la Federal Reserve sulla rotta attuale, aiutando a sostenere i mercati. Quest’ultimi erano preoccupati che un’inflazione più elevata avrebbe costretto la Fed a stringere la politica monetaria più velocemente, danneggiando le azioni.
“Il mercato si aspettava questa lettura dell’inflazione e l’inflazione elevata è stata prezzata nei mercati da molti mesi”, ha affermato George Ball, presidente del gruppo di investimento Sanders Morris Harris.
Molti investitori si aspettano anche che gli aumenti dei prezzi raggiungano presto il picco, poiché i problemi della catena di approvvigionamento, causati dalla chiusura del coronavirus e da un rimbalzo dei mercati energetici dalle profondità del rallentamento economico del 2020, si attenuano.

Il rapporto sull’inflazione di novembre ha mostrato che i prezzi del carburante sono aumentati del 3,5% nel mese, in calo dal 4,8% tra settembre e ottobre. Il tasso mensile di aumento dei prezzi per le auto usate e le abitazioni è rimasto stabile.
“Il mercato obbligazionario ci dice che l’inflazione non andrà fuori controllo a lungo”, ha affermato Guillaume Paillat, gestore di portafoglio multi-asset di Aviva Investors.
Il rendimento dei titoli del Tesoro di riferimento a 10 anni è sceso di 0,01 punti percentuali all’1,49 per cento. Il tasso swap sull’inflazione a cinque anni, una misura delle aspettative di aumento dei prezzi a più lungo termine, è sceso lentamente al 2,15 per cento.
Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a due anni, che si muove inversamente al prezzo dello strumento di debito pubblico e segue le aspettative di politica monetaria, è sceso di 0,03 punti percentuali allo 0,66%.

 


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento