Banca Mps: Riduzione dei costi positiva. Meta e Alibaba: nuovi minimi in arrivo

da Giuseppe
0 commento

Clicca su “SEGUI” in alto per ricevere una notifica ogni volta che pubblico un nuovo articolo e commenta sotto l’articolo se vuoi un parere su un titolo o strumento.

Futures Ue ed Usa positivi. US Tech 100 () +0.20%, US 500 () +0.30%, DAX +1.40 %, +1 %.

In Usa c’è attesa per il dato del 10 febbraio, quello dell’inflazione. 

Il consensus si aspetta un’altra accelerazione al +7,3% per le pressioni della componente energia, ma anche per l’ulteriore accelerazione nei prezzi delle auto usate, così come degli effetti di secondo livello come affitti e salari (dopo il forte rialzo dei salari orari al 5,7%) che spiegano l’accelerazione attesa anche nell’inflazione core (attesa al 5,9% vs 5,5%). 

In Europa buone notizie in merito alla possibile guerra in Ucraina. Tra Russia e Francia ci sono “elementi di convergenza” su come continuare un negoziato che scongiuri una guerra in Ucraina. Il presidente francese Emmanuel Macron ha sintetizzato così il risultato delle oltre cinque ore di colloquio al Cremlino con Vladimir Putin.

Il commento di Antonio Ferlito, Strategist di Ferlitoconsulting in merito alla situazione odierna. “ Stiamo assistendo ad un super rialzo dell’Euro, per via dell’aumento del tasso di interesse che dovrebbe arrivare nel 3 trimestre 2022. Un Euro forte non fa bene alle esportazioni, e metterà in seria difficoltà l’industria tedesca. Il dato di ieri in merito alla produzione industriale è negativo, i colli di bottiglia della catena degli approvvigionamenti stanno penalizzando la Germania. Sono quindi possibili nuovi minimi in area 14500 per il .”

Titoli e strumenti caldi:

Peloton (NASDAQ:.O): +23%. Il Wall Street Journal ed il Financial Times hanno scritto nel fine settimana che vari soggetti, tra cui Amazon (NASDAQ:.O) +1,4%, Nike (NYSE:) +0,5% ed Apple (NASDAQ:.O), starebbero valutando la possibilità di presentare un’offerta per la società. 

(CL):  Giovedì esce il report mensile dell’Opec+: nel documento viene indicata l’entità del rialzo della produzione a gennaio da parte dei membri del cartello. 

Meta Platforms Inc (FB (NASDAQ:)): ha perso un altro 5%, arrivando a segnare un ribasso del 40% dai massimi di settembre. A mercato chiuso la società ha annunciato che Peter Thiel lascerà questa primavera il suo posto in consiglio d’amministrazione dopo 16 anni. Thiel dovrebbe lavorare a fianco dei candidati repubblicani che si sono impegnati a portare avanti l’agenda di Trump. 

Alibaba ADR: Il titolo è ad un passo da nuovi minimi, sono molte elevate le possibilità di vendita azionaria da parte di Softbank

Banca MPS: (MI:.MI) +6%. Il Cda della banca ha deciso il ritiro delle deleghe all’AD Guido Bastianini e la contestuale nomina di Luigi Lovaglio come nuovo numero uno dell’istituto di credito. MPS ha chiuso il 2021 con un utile netto di 310 milioni di euro, da una perdita di 1,69 miliardi circa dell’anno precedente. Nel solo quarto trimestre ha registrato una perdita di 79 milioni contro l’utile di 186 milioni nel trimestre precedente.

Eni (MI:.MI):. Procede l’iter dell’ IPO di Var Energi. Si è chiuso ieri con successo il book delle prenotazioni.

Il commento di Antonio Ferlito sui titoli e strumenti caldi:

“Riguardo Peloton, non credo alla possibile acquisizione. Il prezzo dell’azienda è elevato, non è la prima volta che delle situazioni del genere non si concretizzano. I prezzi potrebbero in area 25.

Su Meta e Alibaba, sono due titoli dove ho deciso di uscire anticipatamente dalle mie posizioni in acquisto. Le ultime notizie sui titoli sono molto negative, Meta plataforms ha visto uscire dal cda un importante membro, e Alibaba continua ad essere un titolo pericoloso a causa delle mancanza di trasparenza in merito alla trimestrale, inoltre uno dei principali azionisti si prepara ad uscire vendendo le azioni. Su questi titoli mi aspetto 210 e 100 come possibili minimi.

Riguardo Mps, i recenti dati sono buoni, mi piace in particolare la riduzione dei costi operativi. I prezzi possono spingersi a 1.20. 

Su Eni, buona notizia, il titolo sarà entro l’estate in area 16, con il petrolio che dopo il normale storno fisiologico, ripartirà per centrare quota 100 in estate. Molti paesi produttori non centreranno i target di offerta e questo unito alla domanda elevata sarà un driver molto positivo in estate per il petrolio”.

Come sempre ti ricordo che questo articolo è a scopo educativo, se vuoi vedere le operazioni e le analisi pubblicate in sala riservata e gli aggiornamenti sul portafoglio di Antonio Ferlito, l’unico trader in Europa che dal 2016 ottiene Performance annuali a 2 cifre, contattaci o commenta sotto l’articolo.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento