Alert 2022: economie in crisi e mercati globali a rischio

da Giuseppe
0 commento

L’impennata dei prezzi delle materie prime, le ingenti sanzioni finanziarie e il potenziale divieto alle importazioni di energia dalla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina minacciano di ostacolare un’economia globale ancora indebolita dalla pandemia di Covid-19. Non solo, stanno anche complicando il compito delle banche centrali che si stavano preparando a eliminare gradualmente il loro sostegno.
Su entrambe le sponde dell’Atlantico, l’inflazione è a livelli che non si vedevano da decenni e ancora in aumento. I mercati azionari globali si stanno indebolendo e il dollaro sta crescendo contro altre valute mentre gli investitori si precipitano sui safe asset.

Gli economisti avvertono sempre più di un possibile attacco di stagflazione, in particolare in Europa, una situazione di alta inflazione e bassa crescita che ha afflitto le principali economie negli anni ’70. All’epoca, le banche centrali hanno reagito all’impennata dei prezzi del petrolio con politiche accomodanti che hanno causato una spirale salari/prezzi. Ora, alcune banche centrali potrebbero rinunciare ai loro piani per aumentare i tassi di interesse dopo averli tenuti bassi durante la pandemia.
“Sarà sempre più difficile ignorare i confronti con gli anni ’70 poiché l’azione sui prezzi delle materie prime è sempre più simile a questa”, ha affermato Jim Reid, uno stratega della Deutsche Bank (DE:).

Ai meeting programmati per la prossima settimana, fino a poco tempo ci si aspettava che la Banca Centrale Europea e la Federal Reserve americana si muovessero rapidamente verso l’eliminazione graduale delle politiche di denaro facile. È probabile che entrambi siano ora cauti, hanno affermato gli investitori, riflettendo i nuovi rischi economici.
Il presidente della Fed Jerome Powell ha detto ai funzionari del Congresso la scorsa settimana che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia avrebbe probabilmente fatto aumentare l’inflazione e ha detto che avrebbe proposto un aumento di un quarto di punto percentuale dei tassi di interesse nella riunione della prossima settimana, ponendo fine alla speculazione su un più ampio aumento di punti percentuali. “Dobbiamo essere vigili e agili mentre prendiamo decisioni in quello che è un ambiente piuttosto difficile”, ha affermato Powell.

A Francoforte, i funzionari della BCE hanno segnalato che si muoveranno con cautela quando si riuniranno mercoledì e giovedì, nonostante l’inflazione sia salita al 5,8% a febbraio, quasi tre volte l’obiettivo del 2% della BCE. Gli investitori ora si aspettano che la BCE aumenti il ​​suo tasso di interesse di riferimento di 0,1 punti percentuali entro dicembre. Al centro dell’ultimo periodo di incertezza c’è la Russia, l’undicesima economia più grande del mondo e un fornitore di energia cruciale per gran parte dell’Europa.
Le nazioni occidentali hanno imposto negli ultimi giorni le sanzioni economiche più radicali contro un grande paese negli ultimi decenni.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento