Analisi dei Mercati Finanziari del 6 Marzo 2022

da Giuseppe
0 commento

I futures azionari statunitensi e gli indici azionari globali sono scesi dopo che le forze russe hanno intensificato gli attacchi in tutta l’Ucraina e poiché la minaccia di un potenziale divieto sulle importazioni di petrolio russo ha contribuito a stimolare un aumento dei prezzi dell’energia.

I future legati al Average, e Nasdaq-100 sono scesi tra l’1,3% e l’1,4%, indicando che i mercati statunitensi potrebbero scendere nelle contrattazioni di lunedì. Il Dow la scorsa settimana ha registrato la sua quarta settimana consecutiva di sconfitte.
Lo Stoxx Europe 600 pancontinentale è crollato del 3,8% lunedì e l’indice azionario tedesco è caduto in mercato ribassista.

La guerra in Ucraina, giunta alla sua dodicesima giornata, ha sconvolto i mercati delle materie prime, accresciuto le tensioni tra Mosca e l’Occidente e ha portato la Russia a staccarsi da gran parte del sistema finanziario globale. Per gli investitori, ciò ha sollevato interrogativi sulle prospettive di crescita, inflazione e tassi di interesse e sui potenziali effetti collaterali dell’improvviso esilio finanziario della Russia.

I prezzi del petrolio sono aumentati vertiginosamente, con il di riferimento globale che è balzato dell’8,5% a 128,08 dollari al barile, il livello più alto da luglio 2008. Lunedì scorso, ha superato i 130 dollari. L’equivalente statunitense, West Texas Intermediate, è aumentato dell’8,8% a $ 125,83. I partner statunitensi ed europei stanno discutendo di un divieto alle importazioni di petrolio russo, ha affermato domenica il segretario di Stato Antony Blinken. Un benchmark europeo del gas è salito del 48% a un livello record.

L’aumento dei prezzi del petrolio sta suscitando preoccupazioni per la distruzione della domanda e una recessione globale, ha affermato Michael Hewson, analista capo dei mercati di CMC Markets. “È difficile vedere molto in termini di rialzo significativo per i mercati azionari ora in un contesto di continua escalation” in Ucraina, ha affermato.

L’aumento dei prezzi delle materie prime e la conseguente accelerazione dell’inflazione stanno complicando le prossime mosse delle principali banche centrali, che erano in gran parte destinate a iniziare ad inasprire la politica monetaria prima dell’inizio della guerra. La Banca Centrale Europea si riunirà questa settimana e gli investitori terranno d’occhio i cambiamenti nelle sue prospettive di crescita e cosa ciò potrebbe significare per la politica.
“Questo cocktail tossico rappresenta un enorme problema per le banche centrali. Inaspriscono la politica monetaria e rischiano di spingere il mondo in una recessione ancora più rapidamente o consentono all’inflazione di aumentare, il che farebbe la stessa cosa? 
Il rendimento del titolo del Tesoro decennale di riferimento è sceso all’1,715% lunedì dall’1,722% di venerdì, estendendo la sua discesa, dopo aver registrato il calo più grande in una settimana da marzo 2020 la scorsa settimana.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento