Ucraina, Kiev: “Piccoli sviluppi positivi”. Quarto round di colloqui in Bielorussia

da Giuseppe
0 commento

(Teleborsa) – “Il terzo round dei negoziati è finito. Ci sono piccoli sviluppi positivi nel miglioramento della logistica per i corridoi umanitari”. È quanto ha annunciato il consigliere di Zelensky, Mykhailo Podolyak. “Intense consultazioni – ha spiegato Podolyak – sono proseguite sul blocco politico di base delle regole, oltre che su un cessate il fuoco e sulle garanzie di sicurezza”.

Al termine del terzo round la delegazione di Mosca ha annunciato all’agenzia Tass che un quarto round di colloqui tra Russia e Ucraina si terrà a breve in Bielorussia. Sempre la delegazione russa ha reso noto di aver presentato agli ucraini una bozza di documento di accordo e che da domani saranno aperti i corridoi umanitari. “Gli ucraini ci hanno dato assicurazioni, noi speriamo che i corridoi umanitari saranno aperti da domani – ha affermato il capo della delegazione russa, l’ex ministro della Cultura russo Vladimir Medinsky, esprimendo delusione sull’andamento delle trattative –. Le nostre aspettative non si sono attuate”.

Nel frattempo, nel dodicesimo giorno di invasione, i tank russi sono entrati alla periferia di Kiev e si sono piazzati accanto alle abitazioni.

In serata le autorità di vigilanza Banca d’Italia, Consob, Ivass e Uif hanno lanciato un allarme sugli gli attacchi cyber al sistema finanziario italiano dopo le sanzioni decise contro la Russia. La Banca d’Italia, Ivass, Uif e Consob – si legge in una nota congiunta – raccomandano “ai soggetti vigilati di esercitare la massima attenzione con riferimento al rischio di attacchi informatici, di intensificare le attività di monitoraggio e difesa in relazione a possibili attività di malware e di adottare tutte le misure di mitigazione dei rischi che si rendano necessarie”. I soggetti vigilati devono “considerare attentamente i piani di continuità aziendale (business continuity plan) e garantire il corretto funzionamento e il pronto ripristino dei backup; in tale ambito, si sottolinea l’importanza di garantire la separazione dell’ambiente di backup da quello di esercizio, valutando la possibilità di prevedere soluzioni di backup offline (ossia che non siano fisicamente o logicamente collegati alla rete) dei sistemi e dei dati essenziali. Si invitano, infine, i soggetti vigilati a prestare attenzione nel continuo agli aggiornamenti forniti dal Computer Security Incident Response Team”.

Banca d’Italia, Consob, Ivass e Uif hanno, inoltre, richiamato l’attenzione dei soggetti vigilati sul pieno rispetto delle misure restrittive decise dall’Unione europea in risposta alla situazione in Ucraina. “Si ricorda – evidenzia la nota – che le misure, adottate dall’Unione europea mediante regolamenti e decisioni, sono vincolanti nella loro totalità e sono direttamente e immediatamente applicabili in ciascuno degli Stati membri. I soggetti vigilati sono tenuti, pertanto, a rispettarle, mettendo in atto i controlli e i dispositivi necessari, monitorando costantemente l’aggiornamento delle misure in questione”. Ai fini dell’adempimento degli obblighi di comunicazione delle misure di congelamento applicate ai soggetti designati andranno tenute altresì in considerazione le indicazioni fornite dalla Uif con il Comunicato del 4 marzo 2022.




Fonte

Related Articles

Lascia un Commento