Chiusura del Primo Trimestre 2022. Quali bilanci fare ?

da Giuseppe
0 commento

I futures sulle azioni statunitensi sono aumentati e il petrolio è sceso dopo le notizie secondo cui il presidente Biden sta preparando un sostanziale rilascio di riserve di petrolio per fermare l’impennata dei prezzi dell’energia e dell’inflazione.
I futures legati all’ sono aumentati dello 0,1% oggi, suggerendo che l’indice di mercato generico potrebbe recuperare alcune perdite dopo aver chiuso in calo dello 0,6% mercoledì. I futures Nasdaq-100 sono in aumento dello 0,4%, indicando guadagni moderati per i titoli tecnologici dopo la campanella di apertura.

Le azioni sono destinate a concludere un primo trimestre volatile ed in calo. I mercati sono stati messi sotto pressione quando l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio e le sanzioni occidentali alla Russia hanno sollevato preoccupazioni per le interruzioni delle catene di approvvigionamento delle materie prime e l’inflazione amplificata. Ciò è avvenuto nello stesso momento in cui la Federal Reserve ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse. L’S&P 500 è caduto in territorio di correzione il mese scorso. L’indice ha messo in scena un rimbalzo negli ultimi giorni, aumentando di oltre il 5% questo mese, ma è ancora in calo del 3,4% per il trimestre finora.
Negli ultimi giorni, gli investitori sono riusciti a mantenere la calma di fronte alla crisi Russia-Ucraina in corso, trascurando anche i nuovi lockdown dovuti al Covid-19 in Cina. Invece, si stanno concentrando sul calo dei prezzi del petrolio nella speranza che l’inflazione possa allentarsi.
Il presidente Biden si prepara a rilasciare fino a 1 milione di barili al giorno dalle riserve petrolifere strategiche e potrebbe annunciarlo già giovedì. Secondo RBC Capital Markets, questo sarebbe il più grande rilascio di titoli strategici nella storia. I prezzi del petrolio sono diminuiti con il , benchmark globale, in calo del 4,1% a 106,89 dollari al barile.
“Questo sembra più uno sforzo concertato, più significativo, che potrebbe avere un po’ più di peso. Per i mercati, ciò significa meno inflazione e meno pressione affinché le banche centrali siano aggressive con gli aumenti dei tassi di interesse”, ha affermato James Athey, un gestore degli investimenti di Abrdn. “Si tratta di sollievo, che potenzialmente porta via un elemento destabilizzante” causato dagli alti prezzi del petrolio.

Gli Stati Uniti e gli alleati hanno cercato in precedenza di abbassare i prezzi con riserve strategiche, ma gli effetti sono stati in genere di breve durata. I membri dell’Agenzia internazionale per l’energia hanno deciso di rilasciare 60 milioni di barili il 1 marzo, ma quel giorno il greggio Brent è aumentato di oltre il 7%.
Il rendimento del titolo del Tesoro decennale di riferimento è sceso al 2,318% dal 2,357%, estendendo un calo di tre giorni al quarto giorno. Anche il debito pubblico europeo è salito, con il rendimento a 10 anni della Germania che è sceso sotto lo 0,6%.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento