Le reazioni Post Minute della FED dei Mercati Finanziari

da Giuseppe
0 commento

I futures sulle azioni statunitensi sono aumentati e un’ondata di vendite di titoli di stato statunitensi si è stabilizzata poiché gli investitori hanno digerito la possibilità di una stretta monetaria più aggressiva da parte della Federal Reserve.
Giovedì i futures dell’ sono aumentati dello 0,2%, un giorno dopo che il benchmark di riferimento era sceso dell’1%. Il selloff di mercoledì è giunto al rilascio del verbale della Fed che mostrava che la FED stia considerando l’aumento dei tassi di mezzo punto percentuale nella riunione di marzo, dopo un aumento di un quarto di punto con cui hanno proceduto.
I contratti per il Nasdaq-100 incentrato sulla tecnologia sono in aumento di un +0,4%. I futures per il hanno oscilato intorno alla parità.

Nei mercati del Tesoro, il rendimento del titolo del Tesoro statunitense a 10 anni è stato scambiato intorno al 2,570%, in calo dal 2,606% di mercoledì. Tuttavia, il rendimento del benchmark si aggira intorno al livello più alto degli ultimi tre anni. Ricordiamo che martedì, il governatore della Fed Lael Brainard⁠, un forte sostenitore dello scorso anno contro il ritiro prematuro degli stimoli⁠, ha prima sconcertato gli investitori quando ha affermato che la banca centrale si è impegnata a prendere misure che riducano l’inflazione quest’anno. Quel nervosismo è continuato mercoledì dopo che i verbali della Fed sono stati rilasciati.

Prima di questa settimana, il mercato azionario statunitense era nel bel mezzo di un vivace rally, aiutando gli indici a cancellare molte delle perdite registrate nel 2022. Il rimbalzo, iniziato a metà marzo, sembrava sfidare una serie di problemi circolanti, inclusa la guerra in Ucraina, l’aumento dei casi di Covid-19 in Cina e l’aumento dell’inflazione che minaccia di peggiorare i ringhi della catena di approvvigionamento. Anche dopo aver perso il 2,2% nelle ultime due sessioni, l’S&P 500 è ora in ribasso solo del 6% per il 2022, in rimonta dalla perdita di oltre il 12% ai minimi di quest’anno. 


Fonte

Related Articles

Lascia un Commento