Piazza Affari frena i Listini europei che si muovono senza slancio

da Giuseppe
0 commento

(Teleborsa) – Piazza Affari scambia in netto calo, anche se ha recuperato dai minimi di seduta segnati a metà mattina dopo che Mario Draghi ha reiterato le sue dimissioni a Sergio Mattarella. Il Presidente della Repubblica ne ha preso atto e ha comunicato che il governo rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti. Inoltre, Mattarella riceverà nel pomeriggio i Presidenti delle Camere e successivamente, a mercati chiusi, potrebbe rivolgere un discorso agli italiani. Sul recupero della Borsa Italiana incidono gli acquisti sui ribassi, visto che in mattinata sia le banche che le utility erano scese a livelli considerati interessanti per un potenziale acquisto.

“In questo scenario, confermiamo il posizionamento su titoli con maggior diversificazione internazionale e una struttura finanziaria solida (DiaSorin, Moncler, Campari, Reply), con protezione dall’inflazione (Inwit, Terna, Enav), mentre i titoli finanziari e ciclici sono quelli maggiormente esposti in negativo – scrive Equita – Sui finanziari, la nostra idea è di privilegiare quei titoli meno esposti al costo del rischio, che beneficiano del rialzo tassi, di trend strutturali e ottimo posizionamento competitivo (Fineco, Mediobanca)”.

Sul fronte macroeconomico, la giornata è priva di dati significativi nel Vecchio Continente. È peggiorata la fiducia delle imprese manifatturiere francesi nel mese di luglio.

Continuano intento le trimestrali. Thales ha migliorato la guidance per l’intero 2022 dopo un primo semestre positivo. Roche ha registrato utili core in aumento nella prima metà dell’anno e annunciato cambi al vertice nel 2023. ABB ha comunicato un utile in calo per l’uscita da alcuni business e la decisione di lasciare la Russia.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,018. Giornata negativa per l’oro, che continua la seduta a 1.682,5 dollari l’oncia, in calo dello 0,78%. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 95,96 dollari per barile, con un ribasso del 3,92%.

Sale molto lo spread, raggiungendo +232 punti base, con un deciso aumento di 17 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 3,53%.

Tra i mercati del Vecchio Continente contrazione moderata per Francoforte, che soffre un calo dello 0,61%, sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,44%, e andamento cauto per Parigi, che mostra una performance pari a +0,2%.

Sessione negativa per Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre l’1,35%; sulla stessa linea, si muove in retromarcia il FTSE Italia All-Share, che scivola a 23.122 punti. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,55%); poco sopra la parità il FTSE Italia Star (+0,21%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, decolla DiaSorin, con un importante progresso del 2,91%.

Ben comprata Amplifon, che segna un forte rialzo dell’1,91%.

Campari avanza dell’1,78%.

Si muove in territorio positivo Prysmian, mostrando un incremento dell’1,62%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Poste Italiane, che ottiene -5,38%.

Pessima performance per Saipem, che registra un ribasso del 4,99%.

Spicca la prestazione negativa di Unicredit, che scende del 4,74%.

Sessione nera per Banco BPM, che lascia sul tappeto una perdita del 4,57%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Mfe B (+4,05%), Italmobiliare (+2,87%), Alerion Clean Power (+2,68%) e Carel Industries (+2,53%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Webuild, che continua la seduta con -5,05%.

In perdita Saras, che scende del 4,59%.

Pesante ERG, che segna una discesa di ben -4,26 punti percentuali.

Banca MPS scende del 4,22%.

Tra le grandezze macroeconomiche più importanti:

Giovedì 21/07/2022
01:50 Giappone: Bilancia commerciale (atteso -1.509,7 Mld ¥; preced. -2.385,8 Mld ¥)
14:30 USA: Richieste sussidi disoccupazione, settimanale (atteso 240K unità; preced. 244K unità)
14:30 USA: PhillyFed (atteso -2,5 punti; preced. -3,3 punti)
16:00 USA: Leading indicator, mensile (atteso -0,5%; preced. -0,4%)

Venerdì 22/07/2022
01:30 Giappone: Prezzi consumo, annuale (preced. 2,5%).




Fonte

Related Articles

Lascia un Commento